Informazioni Informazioni

Tirocini di inserimento/reinserimento lavorativo

Tirocini di inserimento/reinserimento lavorativo

Sono tirocini finalizzati ad agevolare l’inserimento o il reinserimento nel mercato del lavoro di lavoratori disoccupati, inoccupati, sospesi in regime di cassa integrazione sulla base di specifici accordi in attuazione delle politiche attive del lavoro per l’erogazione di ammortizzatori sociali, lavoratori occupati, lavoratori a rischio di disoccupazione.

Possono promuovere queste esperienze:

  • i Centri per l’Impiego;

  • gli organismi accreditati ai servizi per il lavoro;

  • le Agenzie per il lavoro iscritte all’albo nazionale dei soggetti accreditati ai servizi per il lavoro e aventi una sede operativa in Veneto;

  • l’Agenzia Nazionale per le politiche del lavoro (ANPAL), il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali anche attraverso propri enti in-house;

  • le ULSS, se il tirocinio è all'interno di un percorso terapeutico e/o riabilitativo di soggetti disabili o in condizione di svantaggio;

  • le cooperative sociali di tipo A iscritte nell'albo regionale delle cooperative sociali, se il tirocinio è all'interno di percorsi di inserimento/reinserimento sociale e lavorativo di soggetti disabili o in condizione di svantaggio.

Questi percorsi hanno una durata variabile, in funzione della categoria di tirocinanti cui sono rivolti:

  • disoccupati / inoccupati, occupati in cerca di diversa occupazione, lavoratori a rischio di disoccupazione (dipendenti che hanno ricevuto la comunicazione di licenziamento e sono in pendenza di preavviso) e lavoratori sospesi: massimo 6 mesi proroghe comprese;

  • disabili: massimo 18 mesi, proroghe comprese (estendibili a 24 mesi per i soggetti di cui all’art. 11 Legge n. 68/99);

  • soggetti in condizione di svantaggio: massimo 12 mesi;

  • categorie particolari di persone svantaggiate individuate da specifiche misure regionali: massimo 9 mesi, proroghe comprese.

I tirocini non sono ripetibili, ad eccezione di quelli promossi in favore di soggetti disabili o svantaggiati che svolgono esperienze di natura riabilitativa su espressa richiesta dei servizi pubblici che hanno in carico la persona, o in favore di minori in dispersione scolastica.