Informazioni Informazioni

Il sistema scolastico italiano

Il sistema scolastico italiano

Dalla scuola primaria al dottorato di ricerca 

In Italia il sistema educativo di istruzione e formazione professionale si articola in fasi distinte.  

La scuola dell'infanzia è aperta a tutti i bambini italiani e stranieri che abbiano un'età compresa fra i tre e i cinque anni compiuti entro il 31 dicembre. Ha durata triennale e non è obbligatoria. Questa prima fase del percorso di istruzione serve all'educazione e allo sviluppo affettivo, psicomotorio, cognitivo, morale, religioso e sociale dei bambini, favorendone l'autonomia, la creatività, l'apprendimento.
Il primo ciclo di istruzione si articola in due percorsi scolastici consecutivi e obbligatori: 

  • la scuola primaria, della durata di cinque anni; 
  • la scuola secondaria di primo grado, della durata di tre anni. 


La scuola primaria, detta anche scuola elementare,  permette ai bambini di acquisire e sviluppare le conoscenze e le abilità logico-critiche.
La scuola secondaria di primo grado, ovvero la scuola media, attraverso le discipline, è finalizzata alla crescita delle capacità autonome di studio e di interazione sociale, si conclude con un esame di Stato, il cui superamento costituisce titolo di accesso al secondo ciclo. 

il sistema scolastico italiano
Il secondo ciclo d'istruzione, in vigore dall'anno scolastico 2010-2011, riduce gli indirizzi nei licei e rimodula l'istruzione tecnica e professionale. Si tratta di una riforma importante, caratterizzata dal riordino del secondo grado dell'istruzione secondaria, con conseguente introduzione di novità importanti per la scelta dei percorsi di studio. Sono previsti i licei, gli Istituti tecnici e gli Istituti professionali, con nuovi percorsi, alcuni dei quali si articolano in diversi indirizzi. Essi durano cinque anni, si dividono in due bienni e un quinto anno, al termine del quale si sostiene l'esame di Stato e si può proseguire con gli studi universitari.

Una volta ottenuto il diploma di istruzione, lo studente ha la possibilità di iscriversi a un corso universitario. Il sistema vigente prevede l'iscrizione a un percorso di durata triennale per il conseguimento della laurea, seguito da un ulteriore percorso di due anni per ottenere la laurea magistrale.

I diplomati possono anche continuare a formarsi al di fuori dell'offerta formativa universitaria, iscrivendosi ai corsi post-diploma erogati dagli enti di formazione, ai cosiddetti corsi IFTS (Istruzione e Formazione Tecnica Superiore), un canale formativo di specializzazione tecnica superiore che ha lo scopo principale di favorire l'accesso dei giovani al mondo del lavoro e di riqualificare chi è  già in possesso di un'esperienza lavorativa; oppure, essi possono iscriversi ai corsi erogati nell'ambito dell'Alta formazione artistica, musicale e coreutica.

Infine, il laureato può decidere di studiare ancora, intraprendendo la strada del dottorato di ricerca, iscrivendosi a un corso di specializzazione oppure a un Master, i quali forniscono le competenze necessarie per esercitare attività di alta qualificazione presso università, enti pubblici o soggetti privati.