Archivio notizie Archivio notizie

Indietro

Bando Lavori di pubblica utilità 2019 Regione Veneto

Lavori di pubblica utilità: contributi per il reinserimento lavorativo dei disoccupati

La Regione del Veneto assegna ai Comuni 5.000 euro per ogni lavoratore assunto per 6 mesi

Impiegare disoccupati e persone a rischio povertà in lavori di pubblica utilità per favorire il loro inserimento o reinserimento nel mercato del lavoro: è questo l’obiettivo del nuovo bando finanziato dalla Regione del Veneto con risorse del POR FSE 2014-2020.

L’iniziativa si rivolge a cittadini, residenti o domiciliati in Veneto, che hanno più di 30 anni e rientrano in una delle seguenti categorie:

  • disoccupati di lunga durata, che non percepiscono ammortizzatori sociali o trattamento pensionistico, iscritti al Centro per l'impiego e alla ricerca di nuova occupazione da più di 12 mesi;
  • disoccupati svantaggiati e a rischio di esclusione sociale e povertà.


I progetti di pubblica utilità e cittadinanza attiva possono essere presentati da partenariati di tipo pubblico-privato composti da uno o più Comuni e da uno o più soggetti accreditati – o in fase di accreditamento - per i Servizi al Lavoro.

Con un budget complessivo di 5 milioni di euro, il bando offre contributi per la realizzazione di progetti che prevedano percorsi individuali di orientamento e accompagnamento al lavoro, e un’esperienza di lavoro temporaneo nei Comuni richiedenti per svolgere attività di pubblica utilità a beneficio dei cittadini quali ad esempio servizi presso musei e biblioteche, assistenza anziani, supporto scolastico, attività di abbellimento urbano e rurale, vigilanza dei luoghi pubblici.

Il contributo regionale ammonta a 5.000 euro per ciascun lavoratore impiegato per un massimo di 6 mesi e per almeno 20 ore la settimana. Tale contributo deve essere integrato dal soggetto proponente con una somma aggiuntiva pari ad almeno 1.750 euro (il 35% del finanziamento).

I progetti devono essere presentati attraverso la piattaforma telematica SIU entro il 17 giugno 2019, secondo le modalità indicate nel bando pubblicato online nella sezione dedicata del sito www.regione.veneto.it.


News News


    Informazioni Informazioni