Archivio notizie

Pubblicato il 10.06.2021

Lavoro: maggio il mese della svolta? 

In Veneto oltre 21 mila posti di lavoro in più e assunzioni sui livelli del 2019


Lavoro Veneto maggio 2021Il mercato del lavoro veneto riparte nel mese di maggio registrando oltre 53 mila assunzioni, quasi tante quante nel 2019, e un bilancio di 21.200 posti di lavoro in più. È quanto emerge dai dati della Bussola di Veneto Lavoro relativi ai primi cinque mesi dell’anno, che sembrano certificare un’inversione di tendenza rispetto alle recenti dinamiche occupazionali. 

Complice l’effetto rimbalzo garantito dalle riaperture delle ultime settimane, dopo mesi di pesanti restrizioni, a maggio il volume delle assunzioni è tornato sui livelli del 2019 (53.200 in confronto alle 54.200 di due anni fa). Il risultato è interamente imputabile ai contratti a tempo determinato, che hanno beneficiato della ripresa delle attività turistiche e del commercio, sia all’ingrosso che al dettaglio, andando a colmare la domanda di lavoro venuta a mancare nei mesi scorsi.

Il bilancio occupazionale dei primi cinque mesi del 2021 sale così a 39 mila posti di lavoro guadagnati, un valore ancora lontano dai 61 mila in più del 2019 ma nettamente migliore di quello relativo all’analogo periodo del 2020, che aveva fatto registrare un saldo negativo per 4.500 posizioni lavorative. Il saldo è positivo in tutte le province, seppure su risultati generalmente inferiori rispetto al 2019, mentre, al netto dei miglioramenti registrati nell’ultimo mese, la domanda di lavoro si è mantenuta in calo ovunque, su valori massimi a Venezia (-47%) e Verona (-28%) e minimi a Rovigo (-5%).

Il calo delle assunzioni si è concentrato nei settori rimasti soggetti a restrizioni più a lungo, ma non ha risparmiato nemmeno il manifatturiero, mentre agricoltura ed edilizia hanno mantenuto andamenti positivi che a partire dal mese di aprile si sono intensificati ed estesi all’intera economica regionale.

I prossimi mesi diranno se i dati odierni rappresentano l’avvio di una nuova fase di recupero occupazionale o il rimbalzo dovuto a diversi mesi di restrizioni e chiusure. Ad avvalorare la prima ipotesi sarebbero le previsioni del Bollettino Excelsior di Unioncamere e Anpal, secondo il quale le opportunità di lavoro offerte dalle imprese di tutta Italia nel solo mese di giugno sarebbero 560 mila, più di quelle registrate a giugno 2019, in epoca pre-Covid. Nell’intero trimestre giugno-agosto 2021 le assunzioni previste dalle imprese salirebbero a quasi 1,3 milioni, principalmente con contratto a tempo determinato e nei settori del manifatturiero, del turismo e del commercio.

Per tutti i dati sul mercato del lavoro veneto nel mese di maggio è possibile consultare la Bussola di Veneto Lavoro, disponibile alla pagina dedicata www.venetolavoro.it/bussola.

 

  • Fonte: Redazione ClicLavoro Veneto

Informazioni

Informazioni

Banner Regione Veneto

Banner Fondo Sociale Europeo