Informazioni Informazioni

Formarsi in età adulta

Formarsi in età adulta

I corsi di formazione professionale continua

Formarsi età adultaDopo aver assolto l'obbligo di istruzione e l'obbligo di formazione, è possibile continuare a studiare e mantenere aggiornate le proprie competenze frequentando i corsi che ricadono nella cosiddetta formazione professionale continua.

Tali corsi si rivolgono infatti a chi lavora, a chi è disoccupato o a chi è in cerca di un altro lavoro, con una duplice finalità:

  • permettere l'adattamento delle conoscenze e delle competenze precedentemente acquisite alle innovazioni tecnologiche e ai mutamenti organizzativi che si succedono nel tempo;
  • facilitare l'acquisizione delle conoscenze e delle competenze necessarie per essere competitivi nel mercato del lavoro attuale.


In altre parole, coloro che sentono l'esigenza di aggiornarsi, riqualificarsi e specializzarsi possono ricorrere alla formazione professionale continua lungo tutto l'arco della vita.

La formazione può essere individuale o aziendale. Il lavoratore può decidere di formarsi scegliendo autonomamente un corso il più possibile vicino alle sue esigenze di aggiornamento professionale, oppure può partecipare a percorsi formativi erogati in ambito aziendale. Nel primo caso il lavoratore, se interessato a un corso che rientra nelle aree progettazione prodotti, commerciale, amministrativa, gestione risorse umane, ICT e in possesso di specifici requisiti, può richiedere un "voucher", ossia un "buono" che co-finanzia la sua partecipazione al corso stesso. Nel secondo caso ricadono invece i percorsi di formazione in azienda sostenuti in ambito nazionale e regionale sulla base di specifici provvedimenti normativi, come la Legge n. 236/1993 e la Legge n. 53/2000.

In generale i corsi di formazione continua possono essere organizzati da enti di formazione, da altri soggetti abilitati oppure dalle aziende stesse.

Nella maggior parte dei casi sono co-finanziati dal Fondo Sociale Europeo (FSE) o da altri canali di finanziamento nazionali o regionali che ne rendono gratuita la partecipazione.

Hanno una durata variabile, la frequenza è obbligatoria almeno per una percentuale del monte ore complessivo.
Al termine del percorso è rilasciato un attestato di frequenza.