Informazioni Informazioni

Diritto allo studio

Diritto allo studio

I contributi erogati dalla Regione del Veneto e destinati a studenti ordinari e studenti universitari per la tutela del diritto allo studio

Il diritto costituzionale allo studio è tutelato nel Veneto mediante contributi erogati dalla Regione e destinati sia a studenti del sistema di istruzione e formazione, denominati studenti ordinari, sia a studenti del sistema universitario e dell'Alta Formazione Artistica e Musicale, denominati studenti universitari.

La Regione del Veneto garantisce ulteriori servizi agli studenti universitari attraverso gli Enti per il diritto allo Studio Universitario "ESU" e contribuisce alla realizzazione di corsi universitari da parte delle Fondazioni universitarie e di corsi per tecnico superiore da parte degli Istituti Tecnici Superiori "ITS".
diritto allo studio

Gli studenti ordinari possono far richiesta di buono-scuola e di buono-libri.

Il buono-scuola è un contributo diretto alla parziale copertura delle spese di iscrizione e frequenza degli studenti degli istituti scolastici primari, secondari di I grado e II grado e delle istituzioni formative accreditate, nonché di quelle per il sostegno agli studenti diversamente abili.

Per accedere al contributo gli studenti devono:

  • essere residenti nel Veneto;
  • appartenere a famiglie con I.S.E.E. inferiore a 30.000,00 euro per gli studenti normododtati ed 40.000,00 euro per gli studenti disabili;
  • frequentare istituzioni scolastiche primarie, secondarie di I grado, secondarie di II grado (statali, paritarie e non) o istituzioni formative accreditate dalla Regione del Veneto che svolgono percorsi triennali sperimentali di istruzione e formazione professionale (di cui all'accordo in sede di Conferenza Unificata del 19/06/2003 e al D.Lgs. 17/10/2005, n. 226).


Il buono-libri è un contributo diretto alla copertura totale o parziale della spesa di acquisto dei libri di testo.

Per beneficiare del contributo gli studenti devono:

  • essere residenti nel Veneto;
  • appartenere a famiglie con I.S.E.E.  inferiore a 10.632,94 euro;
  • frequentare istituzioni scolastiche secondarie di I e II grado (statali, paritarie e non) o istituzioni formative accreditate dalla Regione del Veneto che svolgono percorsi  triennali di istruzione e formazione professionale (di cui all'accordo in sede di Conferenza unificata del 19/06/2003 e al D.Lgs. 17/10/2005, n. 226).
     

​​Gli studenti universitari possono usufruire di borsa di studio universitaria e di borsa di mobilità internazionale.

La borsa di studio universitaria garantisce il diritto allo studio agli studenti delle Università, delle Accademie di Belle Arti, dei Conservatori di Musica e delle Scuole Superiori per Mediatori Linguistici del Veneto. La Regione, mediante convenzione, affida la gestione delle borse di studio alle Università del Veneto e agli ESU, che provvedono ad erogarle secondo procedure concorsuali. I bandi per l'accesso alle borse di studio vengono pubblicati sui siti delle Università e degli ESU.

La borsa per la mobilità internazionale è un beneficio previsto per gli studenti universitari diretto a garantire il diritto allo studio all'estero. I bandi per l'accesso alla borsa per la mobilità internazionale sono pubblicati dalle Università e dagli ESU.

A garanzia del diritto costituzionale allo studio, la Regione del Veneto concede contributi agli Enti preposti al funzionamento del sistema di istruzione universitaria e tecnica superiore:

  • agli ESU sono destinati due contributi, uno diretto alla copertura delle spese di funzionamento della struttura organizzativa e alla prestazione dei servizi in favore degli studenti, l'altro alla copertura delle spese di investimento e alla realizzazione di opere necessarie per la prestazione dei servizi agli studenti;
  • alle fondazioni universitarie sono erogati finanziamenti a sostegno dello svolgimento di corsi universitari in sedi diverse da quelle principali che facilitino gli studenti provenienti da territori disagiati o periferici. I contributi regionali sono attualmente diretti alle Fondazioni universitarie di Vicenza, Belluno e Portogruaro;
  • agli Istituti Tecnici Superiori (ITS) è rivolto un finanziamento a sostegno dello svolgimento di corsi biennali di istruzione tecnica superiore post-diploma.