Archivio notizie Archivio notizie

Indietro

Report Veneto Lavoro disabili e lavoro

Disabili e lavoro: in Veneto 37 mila occupati, 8 posti su 10 risultano coperti

Il report di Veneto Lavoro delinea il quadro dell'inclusione lavorativa delle persone con disabilità in regione anche alla luce della normativa sul collocamento mirato

Al 31 dicembre 2018 le persone con disabilità occupate in Veneto risultano complessivamente 36.876, di cui 7.839 in provincia di Padova (21%), 7.051 in quella di Vicenza (19%), 6.651 a Verona (18%), 6.502 a Treviso (18%), 5.786 a Venezia (16%), 1.734 a Belluno (5%) e 1.313 a Rovigo (3%). Si tratta prevalentemente di uomini in età avanzata e con una percentuale di disabilità inferiore al 66%. Risultano per la quasi totalità assunti con contratto a tempo indeterminato (93%), con qualifica di impiegato (30%) e nel settore dei servizi (53%). Uno su tre è occupato con contratto a part time (32%). L’industria occupa il 46% delle persone con disabilità, il solo metalmeccanico ne occupa il 27%. Le donne rappresentano oltre la metà degli occupati disabili nei settori del commercio e tempo libero, nei servizi alla persona e in altri comparti del terziario, mentre hanno quote inferiori a un quarto degli occupati nelle industrie estrattive, nelle costruzioni, nel metalmeccanico.

A delineare il quadro dell’inclusione lavorativa delle persone con disabilità in Veneto è il report dell’Osservatorio di Veneto Lavoro elaborato sulla base dei dati desumibili dal “Prospetto informativo disabili”, che i datori di lavoro soggetti alla disciplina delle assunzioni obbligatorie devono presentare entro il 31 gennaio di ogni anno, e dagli iscritti al collocamento mirato.

La normativa vigente stabilisce che tutti i datori di lavoro con almeno 15 dipendenti sono obbligati ad assumere un numero di disabili (quota di riserva) in funzione della dimensione d’impresa: 1 disabile da 15 a 35 dipendenti, 2 disabili da 36 a 50 dipendenti, 7% dei lavoratori occupati da 51 dipendenti in su. Sono tuttavia previste condizioni di esonero o sospensioni, ad esempio per le imprese in crisi, e compensazioni territoriali per imprese multilocalizzate. La gestione dell’obbligo, inoltre, può avvenire mediante la stipula di apposite convenzioni con strutture pubbliche competenti o affidando commesse di lavoro alle cooperative sociali di tipo B (composte per almeno il 30% da lavoratori in condizioni di svantaggio).

Le aziende che occupano lavoratori disabili in Veneto risultano complessivamente 17.722. Di queste, solo 10.989 sono tenute all’obbligo di assunzione, per un totale di posti riservati alle persone con disabilità (“riserva”) pari a 42.727 posizioni lavorative, di cui 27.597 coperte. I posti scoperti risultano così 14.189, per un tasso di scopertura, ovvero rapporto tra posizioni scoperte e posizioni riservate, pari al 33%. Al netto di esoneri, convenzioni e altri strumenti di compensazione le posizioni scoperte si riducono però a 7.710, per un tasso di scopertura netto che scende al 18%.

Tra gli strumenti attivati a livello regionale per agevolare l’integrazione lavorativa delle persone con disabilità si annoverano gli stage aziendali, che nel periodo di attuazione consentono all’azienda ospitante di poterli considerare nel computo delle posizioni coperte, e azioni di informazione e orientamento, formazione e accompagnamento al lavoro, finanziate nel 2017 dalla Regione del Veneto tramite un'apposita misura che ha coinvolto oltre 7 mila persone.

I disabili in condizione di disoccupazione e iscritti al collocamento mirato al 31 dicembre 2018 risultano 28.908, di cui circa 2.000 con uno stage in corso e 1.400 con un rapporto di lavoro aperto compatibile con il mantenimento dello stato di disoccupazione. Si tratta prevalentemente di maschi (57%), italiani (91%), con età superiore ai 30 anni (91%) e una distribuzione sostanzialmente omogenea sul territorio regionale. Negli ultimi tre anni il flusso di iscrizioni è pari a circa 5.500 l’anno, di cui circa 4.000 iscritti per la prima volta. Entro 12 mesi il 61% degli iscritti ha avviato un rapporto di lavoro o un tirocinio, il 37% entro tre mesi.

A contribuire ai buoni livelli di inclusione lavorativa delle persone con disabilità in Veneto sono anche i Centri per l'Impiego, che svolgono un importante ruolo di supporto sia per le imprese che per i lavoratori, anche attraverso la promozione di apposite convenzioni con il mondo cooperativo.

Il report "L'inclusione lavorativa delle persone con disabilità in Veneto" è disponibile nella sezione dedicata del sito di Veneto Lavoro, www.venetolavoro.it


News News


    Informazioni Informazioni