Archivio notizie Archivio notizie

Indietro

Decreto Cura Italia per imprese e lavoratori

Decreto Cura Italia: le misure per imprese e lavoratori

Tra i provvedimenti, l'estensione della cassa integrazione in deroga, contributi per autonomi, stagionali e chi ha lavorato in sede e sospensione dei pagamenti da parte delle imprese

Il Consiglio dei Ministri ha stanziato 25 miliardi di euro per fronteggiare le ricadute economiche e occupazionali dell'emergenza coronavirus, approvando una serie di misure straordinarie a favore di famiglie e imprese.

Il decreto legge Cura Italia si basa su 4 assi principali: il potenziamento del Sistema sanitario nazionale, il sostegno all'occupazione e al reddito dei lavoratori, il supporto al credito per famiglie e imprese, la sospensione degli obblighi di versamento per tributi, contributi e altri adempimenti fiscali 

Ecco, in sintesi, le principali misure in favore di imprese e lavoratori

  • La cassa integrazione in deroga viene estesa a tutto il territorio nazionale, a tutti i dipendenti, di tutti i settori produttivi. I datori di lavoro, comprese le aziende con meno di 5 dipendenti e quelle che già beneficiano della cassa integrazione straordinaria, che sospendono o riducono l'attività a causa dell'emergenza Covid-19 possono ricorrere alla Cigd per una durata massima di 9 settimane.
  • Indenizzo di 600 euro netti per i lavoratori autonomi e le partite IVA. Sarà riconosciuto una tantum ai professionisti non iscritti agli ordini, co.co.co. in gestione separata, artigiani, commercianti, coltivatori diretti, coloni e mezzadri, stagionali del settore turismo e degli stabilimenti termali, lavoratori dello spettacolo, lavoratori agricoli. Un apposito Fondo da 300 milioni di euro sarà utilizzato per fornire un contributo anche ai lavoratori iscritti a enti previdenziali privati, compresi i professionisti iscritti agli ordini, che hanno cessato, ridotto o sospeso la loro attività o il loro rapporto di lavoro a causa del coronavirus.
  • Il periodo trascorso in quarantena o in permanenza domiciliare fiduciaria è equiparato alla malattia.
  • Congedo parentale per 15 giorni aggiuntivi, al 50% del trattamento retributivo, per genitori lavoratori con figli fino a 12 anni o gravemente disabili; in alternativa, voucher baby sitting fino a un massimo di 600 euro (1.000 euro per il personale sanitario e le Forze dell'ordine). Per genitori con figli di età compresa tra 12 e 16 anni c'è il diritto ad astenersi dal lavoro senza alcuna indennità ma con divieto di licenziamento e diritto alla conservazione del posto di lavoro.
  • Per i lavoratori che usufruiscono della legge 104 il permesso retribuito è incrementato di ulteriori 12 giorni complessivi per i mesi di marzo e aprile.
  • Bonus di 100 euro per i lavoratori che nel mese di marzo hanno svolto la propria attività in sede e non in smart working. Il premio è riconosciuto, in proporzione ai giorni lavorati, ai lavoratori con reddito annuo fino a 40.000 euro.
  • Sospese per due mesi le misure di condizionalità previste dal Reddito di cittadinanza, quali l’immediata disponibilità al lavoro e all’impegno in attività di servizio alla comunità, e quelle previste per i percettori di Naspi e Dis-coll.
  • Sospensione per marzo e aprile dei versamenti delle ritenute, dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l'assicurazione obbligatoria, senza limiti di fatturato. I settori interessati sono: turistico-alberghiero, termale, trasporto passeggeri, ristorazione e bar, cultura (cinema e teatri), sport, istruzione, parchi divertimento, eventi (fiere/convegni), sale giochi e centri scommesse. 
  • Sospensione fino al 31 maggio 2020 delle attività di controllo, accertamento, riscossione e contenzioso da parte dell'Agenzia delle Entrate. Sospensione riscossione e invio cartelle esattoriali.
  • Potenziamento del fondo centrale di garanzia e moratoria dei finanziamenti alle PMI.


Previste inoltre misure di compensazione danni per le imprese del trasporto aereo, misure in favore del settore agricolo e della pesca, incentivi e contributi alle imprese per interventi di sanificazione e di tutela della sicurezza sul luogo di lavoro, credito di imposta per botteghe e negozi in affitto, potenziamento ed estensione del lavoro agile, stop alla ritenuta d'acconto per i professionisti, potenziamento del Sistema sanitario nazionale (nuove assunzioni, più risorse per il personale, aumento posti letto), possibilità per la Protezione Civile di requisire presidi sanitari e medico chirurgici, pubblici e privati, per fronteggiare l'emergenza sanitaria o di requisire strutture alberghiere idonee ad ospitare persone in sorveglianza sanitaria e isolamento fiduciario (a fronte di un'indennità a favore del proprietario).

Secondo il Governo il decreto consentirà di attivare flussi per 350 miliardi di euro e sarà seguito da un secondo decreto nel mese di aprile che dovrebbe prevedere ulteriori investimenti, misure di semplificazione e di riduzione delle tasse.

Per conoscere nel dettaglio tutte le misure approvate è possibile consultare il sito istituzionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, www.governo.it, e il testo integrale del Decreto Cura Italia pubblicato in Gazzetta Ufficiale. 


News News


    Informazioni Informazioni